Parcheggi Vicino al porto di Portoferraio

L’Isola d’Elba è da sempre una delle mete toscane preferite dai vacanzieri, in particolar modo da chi è alla ricerca di una meta a dimensione di famiglia. Se scartate il collegamento aereo con sbarco all’aeroporto di Marina di Campo in località la Pila, non vi resta che recarvi a Piombino e imbarcarvi su uno dei tanti traghetti che servono la tratta. Una volta raggiunta l’Isola d’Elba con la vostra inseparabile autovettura e sbarcati a Portoferraio, vi si porrà il consueto dilemma che affligge chi visita una piccola isola: meglio girarla in auto, o con i mezzi pubblici o a noleggio? Ogni soluzione ha i suoi pro e contro: si tratta di due modi di entrare in contatto e vivere la vacanza come meglio si crede.

Per coloro che dovessero optare per la seconda soluzione, e cioè quella di fermare la macchina per affittare un mezzo più comodo, come ad esempio una bicicletta o uno scooter, o utilizzando i mezzi pubblici, il porto di Portoferraio (e dintorni) offre diverse soluzioni gratuite e a pagamento per soste mediolunghe, diciamo dalla mezza giornata fino a una settimana e oltre. Vediamole insieme.

Parcheggi gratuiti e a pagamento vicino al porto

Partiamo dai parcheggi lungo i moli del Porto, quelli immediatamente a portata di mano, anche se lasciare la macchina qui potrebbe essere impresa davvero ardua. Alcuni posteggi sono gratuiti, ma la gran parte sono a pagamento. In caso di soste lunghe occorre prestare attenzione alla pulizia delle strade, che il Comune dispone ogni prima e terza domenica di ogni mese. Se, come probabile, non avrete ancora trovato parcheggio, potrete provare in viale Elba, (che dovrebbe essere ancora gratuito), oppure dirigervi in zona via Vittorio Emanuele II (a pagamento).

Vi sono poi altri due parcheggi gratuiti che potrebbero fare al caso vostro. Quello su viale Zambelli, contiguo a quello di viale Elba, offre tanti posteggi gratuiti ed è veramente a portata di mano per chi arriva a Portoferraio (non solo dal porto). Quello su piazza Virgilio è anch’esso molto comodo per visitare il centro, il mercato e le altre attrazioni, però si trova maggiormente immerso nel caos in quella che, di fatto, è una vera e propria cittadina, che nel periodo estivo brulica di vacanzieri italiani e stranieri.

adsense
Parcheggio Portoferraio
Parcheggio Portoferraio

Nel centro si possono trovare altri parcheggi bianchi o soluzioni di fortuna, ma occorre prestare grande attenzione allo zelo della Polizia municipale e, soprattutto, a quello degli ausiliari della sosta che lavorano per conto dell’ente concessionario del servizio di parcheggio. Ovviamente, come in tutte le località turistiche, la maggior parte dei parcheggi è a pagamento o riservato ai residenti. Anche in zona piazza ai Marinai d’Italia si possono trovare alcuni posti gratuiti, ma si tratta di poca cosa se consideriamo il volume degli accessi che caratterizza la stagione estiva.

Un altro posteggio che offre sufficienti garanzie di trovare uno spazietto per la propria auto senza sobbarcarsi i costi di un parcheggio a pagamento è il parcheggio delle Ghiaie. In realtà la zona offre diverse soluzioni, da quella nelle prossimità degli impianti sportivi a quella nelle adiacenze del Commissariato di Polizia (anche se parcheggiare la macchina nelle prossimità di una caserma non lascia mai l’automobilista troppo tranquillo, ça va sans dire…). Per trovare un posticino si devono percorrere i viali De Gasperi e Manzoni, e sperare di imbattersi in una di quelle piazzole libere delimitate da strisce bianche. Qui è presente una vasta area adibita alla sosta di camper e motocicli.

Allontanandosi dal centro propriamente detto non dovrebbe essere difficile trovare uno spazietto per lasciare la macchina. Ma si sa, l’automobilista (in particolare quello italiano) non ama allontanarsi troppo dalla meta. Per questo a Portoferraio, come in qualsiasi altra località turistica che si rispetti, non è raro imbattersi in parcheggi “di fortuna”, l’ultima spiaggia per automobilisti esasperati. La macchina può essere lasciata fuori dalle carreggiate, laddove possibile, ma a patto che non sia d’intralcio in presenza di passi carrabili e le ruote non tocchino od oltrepassino le strisce (se presenti) che delimitano le carreggiate. Insomma, se non trovate altre soluzioni né gratis né a pagamento potete sfruttare anche questi spazi residui, tenendo però sempre a mente il Codice della Strada e almeno quel pizzico di senso civico che dovrebbe sempre trovar posto tra i bagagli del perfetto turista. Oltre a non incorrere in sanzioni amministrative o rimozioni coatte del mezzo, otterrete il non trascurabile risultato di non esasperare i residenti.


Notice: Undefined index: mts_social_button_layout in /home2/introw82/public_html/parcheggiami.it/wp-content/themes/mts_schema/functions/theme-actions.php on line 461

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.