La berlina Tesla pronta a diventare l’auto elettrica di massa

Si parla sempre più spesso di auto elettriche e quando lo si fa, è praticamente automatico chiamare in causa Tesla Motors e il suo fondatore Elon Musk, pronti a incuriosire il settore con idee davvero innovative: a testimoniare il grande successo dell’azienda statunitense sono i dati, che riportano oltre centinaia di migliaia di ordinazioni per poter acquistare la Tesla Model 3, ultimo gioiello della casa.

Si tratta di una berlina di classe media che promette già numeri davvero da capogiro e accessori interessanti: partiamo per esempio dal suo prezzo di 35mila dollari, con il quale sarà inserita sul mercato americano. Inoltre vi sono in ballo 7.500 dollari di incentivo per le prime 200mila auto elettriche che saranno vendute da ogni nuovo costruttore. Per questo i media statunitensi hanno iniziato a parlare di auto elettrica di massa, riconoscendo a Tesla un grande merito nel settore elettrico. Va detto però che per poter mettere mano sulla macchina bisognerà attendere almeno fino alla fine del 2017, sapendo che l’azienda ha già anticipato di due anni l’obiettivo di lancio sul mercato, che era fissato per il 2020. Rischio azzardato o possibilità imminenti di entrare in un futuro altamente tecnologico?

La Model 3 punta senza troppi misteri a entrare in competizione con le berline premium a un prezzo concorrenziale; pensiamo per esempio alla Nissan Leaf che è diventata ad oggi l’auto elettrica più venduta. In questo caso sappiamo che vanta una batteria da 30 kWh ed ha un’autonomia di 107 miglia, ma il suo prezzo è ben superiore dei 35 mila dollari con i quali sarà commercializzata la Tesla Auto (che promette di fare almeno 215 miglia, circa 345 km).  Un ottimo progetto quello di Tesla che inoltre cerca sempre di sostenere il suo business realizzando la maggior parte dei componenti in casa e fornendo l’energia elettrica attraverso le stazioni di rifornimento.

Non dimentichiamo che i grandi sogni di gloria della società passano anche attraverso la commercializzazione della batteria agli ioni di litio Tesla Powerwall, che permetterà di conservare l’energia prodotta dai pannelli fotovoltaici per poi utilizzarla nelle proprie abitazioni. Un grande colpo utile per favorire l’indipendenza dai sistemi di energia tradizionali a favore dello stoccaggio autonomo. Ma questi sono solo un paio di punti sui quali l’azienda andrà a lavorare nei prossimi mesi; si tratta di una vera e propria sfida tecnologica che passa attraverso l’auto elettrica e sembra puntare verso orizzonti che sono sempre più vasti.

Leave a Reply